Pro Loco Segrate


Vai ai contenuti

L'Associazione

La Pro Loco

La Pro Loco Segrate, nata a marzo 2008, è un'associazione di volontari composta da persone che in forma gratuita, apolitica ed apartitica, si propongono di contribuire alla rivalutazione culturale del proprio territorio.
Il suo scopo è cercare di tutelare e salvaguardare la memoria storica, promuovere l'informazione e l'educazione delle tradizioni locali, l'arte e la cultura del territorio attraverso l'organizzazione di eventi culturali e turistici, ambientali della città e di incentivare le conoscenze del territorio.
Gli obiettivi istituzionali delle Pro Loco sono normalmente quelli della valorizzazione turistica; nel caso di Segrate pensiamo possano essere prioritari quelli di svolgere opera di aggregazione dei cittadini residenti nelle varie frazioni in cui è divisa la città, anche attraverso la partecipazione di tutte le associazioni presenti sul territorio.
Per questo motivo speriamo che tutti i cittadini che abitano e operano a Segrate aderiscano a questa realtà.
Il piccolo contributo che ciascuno può dare è importante per costruire una migliore qualità di vita per tutti.
Essere iscritti alla Pro Loco non comporta alcun obbligo se non quello di sentirsi partecipi, con il proprio contributo di idee ed esperienze, ad un miglioramento civile e culturale del proprio luogo di appartenenza



Il logo nasce da un'idea semplice e immediata: la forma a quadrilatero del territorio segratese (giallo) attraversato da uno squarcio blu come l'Idroscalo.
Sono i colori di Segrate: il sole e l'acqua, la vitalità operosa e la residenza serena.
Pro Loco è scritto minuscolo: seppur molto appariscente, è elegante ma non lezioso, vuole essere anche umile, disponibile verso gli altri, aperto al contributo di tutti.
"Sobrio, forte, moderno": così l'ha definito il suo autore, l'architetto Gabriele Girardelli.
Tutti i fondatori si auspicano che possa essere un segno in grado di lasciare la sua impronta su più fronti; un marchio che diventerà familiare a tutti i segratesi.


Torna ai contenuti | Torna al menu